Fedora Online Forum

Il forum della comunità italiana di Fedora

#1 28-07-2018 11:49:53

darkfor.con
Appena sbarcato sul forum
Registrato: 28-07-2018
Messaggi: 10

Ciclo di aggiornamenti Fedora

Scusate, non sapevo dove era meglio mettere questo post e quindi lo messo su "varie". Io ero prima su Debian testing ma essendo che con l'aggiornamento del kernel mi ha dato un bug che non mi faceva più entrare sull'ambiente grafico (tanto che ho tantato con una installazione pulita ma niente), all'inizio ho pensato di ritornare su Arch (ci sono stato per 3 anni ma aggiornamenti giornalieri mi dava troppo senso di instabilità) ma poi ho deciso Fedora anche perché il suo package manager mi affascina molto (tanto che ho provato Fedora qualche anno fa) ma certe informazioni non sono ancora riuscito a trovarle per capire come funziona Fedora e come viene gestito, soprattutto del ciclo degli aggiornamenti. Ho cercato informazioni su internet ma mi viene dato solo informazioni riguardanti da passare a una versione all'altra di Fedora (tipo da 27 alla 28) ma com'è il circlo degli aggiornamenti? abbastanza aggiornato o come Debian stable che si deve aspettare la verisone nuova per la maggioranza degli aggiornamenti? A me non interessa aggiornamenti continui come per l'appunto Arch ma nemmeno che non ci siano mai. L'ambente grafico? viene aggiornato o aspettare la nuova versione? Non è una mia ossessione, tanto che ho notato che molti software come Libreoffice è l'ultima versione ma per cercare di capire come viene gestito, un grazie in anticipo

Non in linea

#2 28-07-2018 20:29:54

andreamal
Fedora nel sangue
Da Roma
Registrato: 16-12-2009
Messaggi: 1'664

Re: Ciclo di aggiornamenti Fedora

Ciao e benvenuto.
Il ciclo di aggiornamenti è relativamente veloce.
Tra un rilascio e l'altro passano circa 6 mesi ed un mese dopo il rilascio della versione x+2 cessa il supporto ufficiale della versione x (cioè non escono più aggiornamenti di nessun tipo). Per cui ogni versione riceve aggiornamenti per circa 13 mesi.


Ciao
Andrea Malfatti

Non in linea

#3 31-07-2018 22:35:47

aiace
Fedora nel sangue
Da Roma
Registrato: 03-11-2005
Messaggi: 1'439
Sito web

Re: Ciclo di aggiornamenti Fedora

ciao, darkfor
Se ho capito bene quello che chiedi, Fedora dovrebbe essere proprio la distro adatta alle tue esigenze, cioe` una via di mezzo "giusta" tra la frenesia di Arch e il posato distacco di Debian: gli aggiornamenti sono frequenti e riguardano indistintamente TUTTI i componenti (ambiente grafico compreso: ad esempio, io utilizzo KDE e non e` raro vedere passare anche i pacchetti k5* ...), in base alle segnalazioni di bug da parte degli utenti e anche alla disponibilita` di tempo degli sviluppatori.
In tutti i casi, poi, ricorda che puoi scadenzarli come preferisci: li puoi ricevere ogni giorno, settimanali, mensili ecc. E anche quando arrivano, puoi decidere se accettarli tutti in blocco, oppure selezionarne solamente alcuni che ti interessano (magari alcuni potrebbero influire negativamente sul sistema complessivo e quindi decidi di aspettare a installarli), oppure rinviare a un momento piu` opportuno se stai facendo qualcosa di importante che non puo` essere rinviato a dopo, come invece gli aggiornamenti.
Ancora: ci sono vari software che puoi installare per controllare gli aggiornamenti, mentre dalla console il comando principale e`

# dnf upgrade

che sostituisce

# dnf update

Per i comandi ti consiglio comunque di leggerti la lunga pagina dedicata

$ man dnf

A presto e ben arrivato a bordo!

PS: quando ti riterrai soddisfatto delle risposte ottenute, vai a modificare il primo post (quello con cui hai dato origine a questo thread) e scrivi nel titolo, magari all`inizio: [RISOLTO]
Grazie

Ultima modifica di aiace (31-07-2018 22:38:42)


linuxbox # 408490
Linux user # 479702

Non in linea

#4 01-08-2018 09:44:16

darkfor.con
Appena sbarcato sul forum
Registrato: 28-07-2018
Messaggi: 10

Re: Ciclo di aggiornamenti Fedora

grazie, scusate che non vi ho più risposto, sono stato un pò occupato. leggendo guide ho visto che c'è questa opzione "dnf upgrade --enablerepo=updates-testing" ma è consigliabile o no? è bastanza stabile? per quello che ho capito nelle guide, è possibile però di bloccare alcuni rami di aggiornamento come il kernel che preferisco di tenere quello stabile per evitare di avere problemi che ho avuto con Debian testing, anche perché sarà molto probabile che troverei problemi con stabilità con i driver video proprietari.

Ultima modifica di darkfor.con (01-08-2018 10:02:27)

Non in linea

#5 01-08-2018 14:51:02

aiace
Fedora nel sangue
Da Roma
Registrato: 03-11-2005
Messaggi: 1'439
Sito web

Re: Ciclo di aggiornamenti Fedora

Può darsi che abilitando anche i repo di testing, tu possa incorrere nei problemi avuti con Debian.
Io credo che i repo di base (cioè fedora,  fedora-updates) e i 4 aggiuntivi standard (rpmfusion-free, rpmfusion-non free,  rpmfusion-free-updates e rpmfusion-non free-updates) siano sufficienti a muoverti e conoscere Fedora al meglio, perlomeno nelle prime fasi di "familiarizzazione".
Puoi lasciare i repo  di testing agli sviluppatori, oppure se proprio ci tieni, creare un'altra Fedora, virtualizzata, nella quale sperimentarli a tuo piacimento ma senza mettere a rischio la stabilità di tutto il sistema.


linuxbox # 408490
Linux user # 479702

Non in linea

Piè di pagina