Spotify: alternative al client ufficiale

Scrivo questo post perché, nonostante sia presente sul forum una guida per convertire i binari del client ufficiale che è possibile scaricare dal sito web (ufficialmente supportato solo da debian e derivate essendo pacchettizzato in deb) ho sempre preferito avvalermi della versione flatpak che però mi ha sempre dato un po’ di problemini… sono infatti soventi, almeno per quel che riguarda la mia esperienza, i freeze del client dovuti soprattutto agli ads (messaggi pubblicitari) presenti sul client.

Per ovviare a questo problema, ho deciso di disinstallare il client ufficiale e, attingendo sempre a dei pacchetti flatpak, ho deciso di installare nuvola player insieme ad alcune sue estensione (script) tra cui anche lo script per spotify.

Devo dire che a distanza di un paio di anni, rimane la mia principale scelta, anche se alla fine lo script non è altro che un wrapper del web player di spotify ma l’interfaccia di nuvola player (soprattutto se sottoscrivete un abbonamento) arricchisce con diverse funzionalità, non presenti di default nel client ufficiale, l’esperienza dell’utente finale.
Tra le funzionalità che preferisco, ad esempio, c’è la possibilità di effettuare lo scrobbling su libre.fm e la ricerca automatica dei testi.

Poi ci sono quei client davvero alternativi, che fanno venir voglia di provarli solo per il semplice gusto di “nerdare”… è il caso ad esempio di Spotify TUI che, in combinazione con Spotifyd permette di ascoltare i brani di Spotify direttamente dal proprio terminale (è richiesto però un account premium).

Spotify TUI è di semplice installazione e configurazione, è presente anche il repository atim/spotify-tui su copr che consente di installare spotify-tui senza alcun problema…

Anche la configurazione è abbastanza semplice, basta seguire i passaggi richiesti presenti sulla pagina github del progetto ed in men che non si dica si ha già il programma configurato e pronto a funzionare.
Purtroppo però non è possibile eseguire lo streaming diretto delle canzoni sul terminale ed è per questo motivo che ci si deve avvalere anche di spotifyd, un client non ufficiale molto leggero in grado di restare in esecuzione come demone… questo però è un po’ più ostico da configurare, anche perché la documentazione presente sulla wiki a mio avviso non molto esaustiva.

Comunque devo dire che anche questa alternativa è abbastanza interessante da utilizzare…

Schermata del 2021-09-26 22-47-34.png

Schermata del 2021-09-27 00-12-58.png

ovviamente si deve essere disposti a sottoscrivere un abbonamento premium su spotify, altrimenti non c’è la possibilità di poter utilizzare spotifyd.

1 Mi Piace

Magari se qualcuno fosse interessato, sono disponibile anche ad aggiungere tra i commenti i file di configurazione che ho utilizzato per far avviare correttamente spotifyd.

Continuo nei commenti (onde evitare di aprire inutilmente nuovi topic) l’excursus delle alternative al client ufficiale di spotify…

Dopo aver provato per qualche giorno Spotify-TUI in accoppiata con Spotifyd ho deciso di disinstallarli perché non riuscivano a caricarmi correttamente le playlist di Spotify… quasi sempre infatti erano incomplete, se non addirittura mancanti.

Ho deciso quindi di provare un’altra alternativa (sempre da terminale) e nello specifico si tratta di Mopidy e di due delle sue estensioni: Mopidy-MPD e Mopidy-Spotify.

Mopidy in realtà opera come un server e grazie alle sue numerose estensioni può operare sia a livello di backend, in modo da consentire l’accesso a numerosi servizi di streaming (tra cui anche Spotify), sia a livello di frontend tramite diverse estensioni che ne consentono la fruizioni tramite interfacce grafiche.

L’installazione e la configurazione sono abbastanza semplici (per lo meno la wiki è molto più esaustiva)… sui repository ufficiali di Fedora è possibile trovare i binari per istallare Mopidy ed il suo frontend Mopidy-MDP che fornisce un’implementazione completa del server MPD per rendere Mopidy disponibile dai client MPD… nel mio caso (come è possibile vedere dallo screen allegato) ho utilizzato ncmpcpp (impronunciabile, ma vi assicuro che funziona), anche questo installabile dai repository ufficiali di Fedora.

Ovviamente come backend ho installato l’estensione Mopidy-Spotify, che è però disponibile solo sui repository di RPMFusion che dovranno ovviamente essere già stati precedentemente abilitati e che, ovviamente, richiede un account premium su Spotify per poter funzionare.

Si configura tutto abbastanza semplicemente… l’unica difficoltà che ho personalmente riscontrato è stata dovuta al fatto che provando ad abilitare mopidy come servizio di systemd ho avuto problemi a far funzionare l’audio. Ho provato a seguire anche la procedura presente sulla wiki (e qualche altra trovata in rete), ma senza successo.

Avviando mopidy da terminale invece funziona normalmente senza alcun problema… devo solo prendere l’abitudine a controllare ncmpcpp da tastiera, dovrò tenere a portata di mano qualche cheatsheet per un bel po’ mi sa.

1 Mi Piace